giovedì 17 maggio 2007

Laicità... Poesia... Pensieri...

IL TESTAMENTO DI TITO


Tito: "Non avrai altro Dio all'infuori di me, spesso mi ha fatto pensare: genti diverse venute dall'est dicevan che in fondo era uguale.
Credevano a un altro diverso da te e non mi hanno fatto del male. Credevano a un altro diverso da te e non mi hanno fatto del male.
Non nominare il nome di Dio, non nominarlo invano. Con un coltello piantato nel fianco gridai la mia pena e il suo nome: ma forse era stanco, forse troppo occupato, e non ascoltò il mio dolore. Ma forse era stanco, forse troppo lontano, davvero lo nominai invano.
Onora il padre, onora la madre e onora anche il loro bastone, bacia la mano che ruppe il tuo naso perché le chiedevi un boccone: quando a mio padre si fermò il cuore non ho provato dolore. Quanto a mio padre si fermò il cuore non ho provato dolore.
Ricorda di santificare le feste. Facile per noi ladroni entrare nei templi che riguargitan salmi di schiavi e dei loro padroni senza finire legati agli altari sgozzati come animali. Senza finire legati agli altari sgozzati come animali.
Il quinto dice non devi rubare e forse io l'ho rispettato vuotando, in silenzio, le tasche già gonfie di quelli che avevan rubato: ma io, senza legge, rubai in nome mio, quegli altri nel nome di Dio. Ma io, senza legge, rubai in nome mio, quegli altri nel nome di Dio.
Non commettere atti che non siano puri cioè non disperdere il seme. Feconda una donna ogni volta che l'ami così sarai uomo di fede: Poi la voglia svanisce e il figlio rimane e tanti ne uccide la fame. Io, forse, ho confuso il piacere e l'amore: ma non ho creato dolore.
Il settimo dice non ammazzare se del cielo vuoi essere degno. Guardatela oggi, questa legge di Dio, tre volte inchiodata nel legno: guardate la fine di quel nazzareno e un ladro non muore di meno. Guardate la fine di quel nazzareno e un ladro non muore di meno.
Non dire falsa testimonianza e aiutali a uccidere un uomo. Lo sanno a memoria il diritto divino, e scordano sempre il perdono: ho spergiurato su Dio e sul mio onore e no, non ne provo dolore. Ho spergiurato su Dio e sul mio onore e no, non ne provo dolore.
Non desiderare la roba degli altri non desiderarne la sposa. Ditelo a quelli, chiedetelo ai pochi che hanno una donna e qualcosa: nei letti degli altri già caldi d'amore non ho provato dolore. L'invidia di ieri non è già finita: stasera vi invidio la vita.
Ma adesso che viene la sera ed il buio mi toglie il dolore dagli occhi e scivola il sole al di là delle dune a violentare altre notti: io nel vedere quest'uomo che muore, madre, io provo dolore.
Nella pietà che non cede al rancore, madre, ho imparato l'amore".


LAUDATE HOMINEM


Laudate dominum Laudate dominum
"Il potere che cercava il nostro umore mentre uccideva nel nome d'un dio, nel nome d'un dio uccideva un uomo: nel nome di quel dio si assolse. Poi, poi chiamò dio poi chiamo dio poi chiamò dio quell'uomo e nel suo nome nuovo nome altri uomini, altri, altri uomini uccise ". Non voglio pensarti figlio di Dio ma figlio dell'uomo, fratello anche mio. Laudate dominum Laudate dominum Ancora una volta abbracciamo la fede che insegna ad avere ad avere il diritto al perdono, perdono sul male commesso nel nome d'un dio che il male non volle, il male non volle, finché restò uomo uomo. Non posso pensarti figlio di Dio ma figlio dell'uomo, fratello anche mio. Qualcuno qualcuno tentò di imitarlo se non ci riuscì fu scusato anche lui perdonato perché non s'imita imita un dio, un dio va temuto e lodato lodato... Laudate hominem No, non devo pensarti figlio di Dio ma figlio dell'uomo, fratello anche mio. Ma figlio dell'uomo, fratello anche mio. Laudate hominem.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

So che è la finestra sbagliata per fare questo commento e mi scuso.Ma è l'ultima che è stata messa e quindi la più visibile e ci tenevo a dire una cosa a Niccolò:
Visto che ti batti tanto per l'indiscriminazione degli omosessuali,per le coppie di fatto e per la tolleranza,hai mai pensato cosa faresti se un giorno venisse tuo figlio o figlia a dirti che è omosessuale?Davvero saresti così comprensivo e andresti a manifestare con lui per i diritti dei gay?Hai 23 anni e penso che sia l'ora che tu inizi a chiederti queste cose visto che ho molti dubbi che tu lo faccia.Ad esempio,ti chiedi mai quanta coerenza c'è fra quello che predichi con tanta passione e quello che veramente faresti nella tua vita?
Spero tu accetti questa critica.
°-Ie

andrea ha detto...

io spero, conoscendo niccolò, che sarà coerente con la sua fede politica se dovesse scoprire di avere un figlio gay. certo io sono un amico e non è affatto la stessa cosa, ma con me si è sempre comportato in maniera più che corretta come amico, come collega, come uomo. probabilmente a nessuno fa piacere avere un figlio gay, perchè sarà esposto a numerosi discriminazioni come lo sono stato io ma ciò non significa non accettarlo ma semplicemente avere paura di questa società "cattolica" e porta ad esempio i miei genitori che di sinistra, cattolici ed eterosessuali hanno accettato me, valdese e omosessuale, pur, almeno all'inizio, essendo molto preoccupati.
secondo me invece bisogna discutere di queste cose proprio sotto l'evocazione straordinaria dei versi di de andrè

cosimo ha detto...

Caro Anonimo forse non sai che esiste una associazione (adesso non mi ricordo l'acronimo) che raduna i genitori di ragazzi omossesuali e che si batte affinchè nelle scuole e nella società venga insegnato ai ragazzi che l'omosessualità non è una malattia, che l'omosessuale non è un mostro con le antenne verdi..

Rispondo per me e non pretendo di rispondere per Niccolò..
Se mio figlio fosse omosessuale mi preoccuperei affinchè chi gli sta attorno possa giudicarlo per quello che è e non per i suoi gusti sessuali.
Se i suoi diritti fossero in discussione andrei a manifestare per difenderli, così come faccio adesso..

andrea ha detto...

l'associazione si chiama AGEDO (ass. genitori e amici di omosessuali) anche i miei ci hanno collaborato